Cogenerazione

Negli impianti di cogenerazione, energia elettrica e calore vengono prodotti contemporaneamente con un unico processo e soprattutto utilizzando un unico combustibile.

Con un impianto di cogenerazione si ha uno sfruttamento ottimale dell'energia primaria (gas naturale o altro combustibile), arrivando ad un rendimento del processo di conversione da energia primaria a energia utile del 90%: esso rappresenta la soluzione più efficiente ovunque vi sia consumo contemporaneo di energia elettrica e di calore.
>> Leggi tutto >>

Prodotti e impianti

Atenatech suggerisce i sistemi di cogenerazione della Tedom.

Scarica il catalogo e richiedici un preventivo.

Read more

La nostra offerta

Realizziamo impianti di cogenerazione chiavi in mano a partire da 7kwp elettrici, comprensivi delle pratiche di connessione e delle pratiche presso il GSE, ENEL, UTF, etc.,  tradizionali e di trigenerazione (con varie tipologie di compustibili, biogas compreso).

Forniamo anche solo servizi di progettazione, studi di fattibilità, consulenze,  assistenza tecnica e riparazioni, monitoraggio remoto dell’impianto, assistenza per l’ ottenimento di finanziamenti presso gli istituti di credito.

Contattaci per analizzare il tuo caso e per qualsiasi ulteriore informazione.

Forniamo impianti chiavi in mano.

Read more

Perché fare un impianto di cogenerazione

Questa produzione “combinata” di energia elettrica e calore prende il nome di CHP (Combined Heat and Power) e risulta molto conveniente in tutti quei contesti in cui vi sia un consumo contemporaneo di energia elettrica e di calore: alberghi, ospedali, centri commerciali, piscine, caseifici, lavanderie industriali, industrie di processo (chimiche, farmaceutiche) … per il:

  • riscaldamento di ambienti per le persone (alberghi, luoghi pubblici, luoghi di lavoro)
  • riscaldamento di sale di lavorazione, forni
  • riscaldamento della acqua (acqua sanitaria, acqua per piscine, acqua o vapore per lavanderie industriali, in generale molti dei processi che richiedono l’impiego di fluidi caldi), etc….
  • Read more

Atenatech, partner commerciale di Energia +, distributore in esclusiva per l’italia dei sistemi TEDOM, progetta e realizza impianti di cogenerazione chiavi in mano comprensivi delle pratiche di connessione e delle pratiche presso il GSE per la stipula del contratto di acquisto della energia ceduta alla rete.

Assucuriamo anche servizi di manutenzione quali ispezioni periodiche, monitoraggio remoto dell’impianto e servizi di consulenza quali studi di fattibilità, progettazione, compilazione registro utf, ottenimento di finanziamenti presso gli istituti di credito.

Contattaci per qualsiasi ulteriore informazione.

COME FUNZIONA

Un motore alimenta un generatore che produce energia elettrica, la quale viene autoconsumata in loco o immessa nella rete. Il calore residuo del motore e dei gas di scarico viene trasferito, attraverso degli scambiatori, all’impianto termico per essere sfruttato da tutte le utenze che lo richiedono (riscaldamento ambienti, acqua calda sanitaria, processi industriali che impiegano fluidi caldi, ..). Un impianto di cogenerazione è sostanzialmente costituito da un motore, alimentato quindi da un combustibile che solitamente è il gas naturale, ma può essere anche un olio vegetale o biomassa in generale. Come per le automobili, che bruciando benzina, gasolio o gas, ricavano l’energia necessaria a mettere in movimento la vettura, così nel motore dell’impianto di cogenerazione, la combustione di gas naturale, olio vegetele o biomasse in generale fornisce la spinta a mettere in movimento l’albero motore.

All’albero motore dell’impianto di cogenerazione viene collegato un generatore di corrente (alternatore) così che, mentre in una autovettura l’energia meccanica ricavata dalla combustione viene utilizzata per il moto del veicolo, nell’impianto di cogenerazione l’energia meccanica viene totalmente utilizzata per mettere in rotazione un alternatore e produrre quindi energia elettrica.

Schema Impianto Cogenerazione

Contemporaneamente, a differenza delle autovetture che solo in minima parte usano il calore di scarto della combustione ad esempio per il riscaldamento dell’abitacolo, nell’impianto di cogenerazione tutto il calore residuo del motore (acqua refrigerante, olio lubrificante) e dei gas di scarico viene convogliato, attraverso degli scambiatori di calore, verso un impianto termoidraulico, affinchè possa essere utilmente impiegato da tutti i processi che lo necessitano.